Impariamo il Napoletano

 

ispeaknapulitano

ALFABETO
VOCALI
Lettera A
La vocale A: se si trova all’inizio o nel corpo della parola si pronuncia normalmente, mentre non si pronuncia la A finale di parola; a meno che non sia accentata o faccia parte di un monosillabo:
Acrisant(o)=Crisantemo; Addubbatur(a)=Addobbo; Affatat(a)=Fatata; Aff(e)rrà=Prendere; Affruntà=Affrontare; ‘a; fa; va; ccà; llà…

Lettera E
La vocale E: non si pronuncia mai sia quando è finale di parola, sia nel corpo della parola se non vi cade l’accento; si pronuncia invece sia quando è inizio di parola sia quando è accentata con accento grafico o tonico; o quando è un monosillabo:
Enciaria=Ingordigia; Aréch(e)t(a)=Origano; Embè=E con ciò; Cafè=Bar; Diebb(e)t(e)=Debiti; Picc(e)rell(a)=Pic colina; ‘e; è; me; tre…

Lettera J
Voglio precisare innanzitutto che non tutti sono di accordo sull’uso della J nella scrittura del napoletano, e sostituiscono questa lettera con la I. In verità non mi sento di criticare questa scelta; ma ritengo più elegante usare la J anche perché è più affine alla lingua dei nostri padri; per cui ve ne spiegherò il suo uso corretto. Si usa la J quando essa si trova ad inizio di parola o tra altre due vocali:
Staje; Stai; Maje=Mai; Assaje=Assai; Juorn(o)=Giorno; Jénn(e)r(o)=Genero; Janc(o)=Bianco; J’…

Lettera I
La vocale I ha sempre un suono naturale; tranne che nei dittonghi: IA; IE; IO; IU dove ha un suono semimuto:
Chiatt(o)=Grasso; Nisciun(o)=Nesuno; Guaglion(e)=Ragazzo; Sciore=Fiore; Isciol(a)=Varicella, Vaiolo; Curriv(o)=Rabbia; i’; si; di’…

Lettera O
La vocale O non si pronuncia mai; sia quando è finale di parola; sia quando si trova nel corpo della parola. Si pronuncia invece quando è inizio di parola o quando ha l’accento sia grafico che tonico e nei monosillabi:
Omm(o)=Uomo; Cunt(o)=Racconto; ’Ntontar(o)=Tonto; Pogn(e)r(e)=Pungere; Strumm(o)l(o)=Trottola; Cummò; Canterano; ‘o; mo

Lettera U
La vocale U ha sempre un suono naturale:
Fasul(e)=Fagioli; Uocchio=Occhio; Cchiù=Più
CONSONANTI
Lettera B
La lettera B ha un suono forte quando si trova a inizio di parola: Babbalusc(ia)=Lumaca; Ballatur(o)=Ballatoio; Bamm(e) niell(o)=Bambinello.
In numerosi casi la B si trasforma in V:
Vocc(a)=Bocca; Vracc(io)=Braccio; Vartummeo=Bartolomeo; Vaso=Bacio.
Quando nel vocabolo italiano troviamo MB in napoletano diviene MM: Gamm(a)=Gamba; Chiumm(o)=Piombo; Palomm(a)=Colomba; ’Mbomm(a)=Bomba.

Lettera C
La lettera C ha un suono normale come l’italiano:
Cot(e)n(a)=Cotica; Caccavell(a)=Pentola; Cunzigl(io)=Consiglio; C(e)ras(a)=Ciliegia; Cinquin(a)=Quintina; Chiazz(a)=Piazza; Chell(a)=Quella; Chi; Che; Ccà

Lettera D
La lettera D ha un suono normale:
Darfin(o)=Delfino; D(e)scurz(o)=Discorso; Dimann(a)=Domanda; Duttor(e)=Dottore.
In numerosi casi la D all’interno della parola diviene R:
Maronn(a)=Madonna; Miér(e)c(o)=Medico; Trir(e)c(e)=Tredici.
Il gruppo ND si tramuta; in napoletano in NN:
Mannà=Mandare; Banner(a)=Bandiera; Venn(e)r(e)=Vendere

Lettera F
La lettera F ha un suono normale:
Facenn(a)=Faccenda; F(e)nest(a)=Finestra; Ficajuol(o)=Venditore di fichi; Foja=Irrequetezza; Funtan(a)=Fontana.
Spesso la F italiana quando si trova davanti ad un dittongo si trasforma in SC:
Scior(e)=Fiore; Sciat(o)=Fiato; Sciumm(o)=Fiume.

Lettera G
La lettera G ha un suono forte come in italiano:
Gavin(a)=Gabbiano; G(e)lus(o)=Geloso; Giuvinott(o)=Giovanotto; Gonn(o)l(a)=Gondola; Gulì(o) Vulì(o)=Voglia.
Spesso la G delle parole italiane in napoletano si modifica in altra lettera. Si può tramutare nella lettera V quando è seguita dalle vocali A; O; U:
Frav(o)l(a)=Fragola; Spav(o)=Spago; Vunnell(a)=Gonnella.
Può trasformarsi in C:
Ciardin(o)=Giardino; Cajol(a)=Gabbia.
A volte la vediamo trasformare in J:
Jennar(o)=Gennaro; Jettà=Gettare.
Ancora il gruppo GR in napoletano perde la G restando solo la R:
Rattà=Grattare; Aller(o)=Allegro; Rancio=Granchio.
Ancora il gruppo GH può facilmente trasformarsi in J:
Jaccio=Ghiaccio

Lettera L
La lettera L Ha un suono normale; spesso però la L italiana in napoletano diviene U oppure R:
Caurar(a)=Caldaia; Caur(o)=Caldo; Fauz(o)=Falso; Scarfà=Scaldare; Barcon(e)=Balcone; Curtiell(o)=Coltello;

Lettera M
La lettera M ha un suono normale ma spesso raddoppia:
Ammor(e)=Amore; Càmm(e)r(a)=Camera; Fumm(o)=Fumo; Ramm(a)=Rame.

Lettera N
La lettera N ha un suono normale come in italiano:
Nov(a)=Nuova; Turnes(e)=Tornese.

Lettera P
La lettera P ha anche essa un suono normale; in alcuni casi si tramuta in B e quando precede i dittonghi IA; IO; IU si tramuta in CH:
Sbr(e)nnor(e)=Splendore; Chiant(o)=Pianto; Abbril(e)=Aprile; Chiov(e)=Piove; Chiumm(o)=Piombo; Cchiù=Più

Lettera Q
La lettera Q delle parole italiane; facilmente viene trasformata in C o CH perdendo automaticamente la vocale U.
Ccà=Qua; Cuet(o)=Quieto; Chist(o)=Questo; Chell(a)=Quella.
Negli altri casi invece e normale:
Quatern(o)=Quaderno; Quatt(o)=Quattro; Quann(o)=Quando.

Lettera R
La lettera R come già spiegato alla lettera D in napoletano la R sostituisce la D; non capita nel caso opposto;
Per(e)=Piede; Maronn(a)=Madonna; Mier(e)c(o)=Madico.
Inoltre il trio STR facilmente perde la R:
Fenesta=Finestra; Maesta=Maestra.

Lettera S
La lettera S sia all’inizio di parola che dopo le consonanti L; N; R spesso si cambia in Z:
Zuc(o)=Sugo; Barz(e)mo=Balsamo; Puz(o)=Polso; ’Nzalater(a)=Insalatiera; Cunzigli(o)=Consiglio; P(e)nzier(o)=Pensiero; Surz(o)=Sorso.
Spesso la S viene anteposta a una parola per indicarne il contrario:
Scos(e)r(e) di Cos(e)r(e); Schiov(e)r(e) di Chiov(e)r(e); Sfà di Fà.
che un rafforzativo:
Spanteco è più di Panteco; Sficcà è più di Ficcà.
Quando si antepone alla C la S va pronunciata con un suono strascicato:
Scol(a)=Scuola; Scumm(a)=Schiuma; Scuoglio=Scoglio.
perché; lo ricordo; la S davanti a consonante ha sempre un suono strascicato tranne davanti alla lettera T:
Strumm(o)l(o)=Trottolina.

Lettera T
La lettera T in napoletano non ha nessuna peculiarità; e si pronuncia come in italiano:
Tartaglià=Balbettare; Taratuf(o)l(o)=Tartufo; S(e)cutà=Inseguire.

Lettera V
La lettera V se si trova tra la U e un’altra vocale; a volte diventa muta:
Tru(v)à=Trovare; Pru(v)à=Provare; Giu(v)à=Giovanni.
Spesso quando si trova nel corpo od allo inizio della parola la V si trasforma in B:
Abbià=Avviare; Sb(e)ntur(a)=Sventura; Abb(e)lì=Avvilire; Abb(e)nì=Avvenire; Bisc(o)=Vischio.
Il gruppo NV in napoletano spesso diviene MM:
‘Mmit(o)=Invito; ’Mmec(e)=Invece; ’Mm(e)nzion(e)=Invenzione.

Lettera Z
La lettera Z ha sempre un suono forte. Nei vocabolari viene menzionata sempre singola; ma come giustamente scriveva Di Giacomo; essa dovrebbe il più delle volte essere raddoppiata:
‘Strazzion(e)=Estrazione; Disgrazziat(a)=DisgraziataLl(e)zzion(e)=Lezioni; Sp(e)zzial(e)=Farmacista.

ARTICOLO
Gli articoli si suddividono in articoli determinativi (che determinano il nome) ed in articoli indeterminativi generici

L’ARTICOLO DETERMINATIVO
Gli articoli determinativi in napolitano erano originariamente: LU, LO, LA, LLI e LLE. I primi due singolari maschili, il terzo singolare femminile, gli utimi due plurali, maschile e femminile; ne abbiamo traccia in antichi testi e canzoni come: Lo guarracino; Lo cunto de lli cunti; Lo zoccolaro; Lu cardillo; Lu milo muzzecato; ma anche in poesie di Salvatore Di Giacomo come ‘O vico d’ ‘e scuppettiere; Vocca addirosa; La luna nova; Era de Maggio e tante altre

L’articolo determinativo singolare
Col tempo LU è caduto in disuso mentre gli altri si sono trasformati in ‘O e ‘A se precedono una parola che inizia con consonanante:
‘O juorn(o)=il giorno; ‘O lion(e)=Il leone; ‘O chianchier(e)=Il macellaio; ‘O cus(e)tor(e)=Il sarto; ‘O fattariell(o)=Il raccontino; ‘A seggia=La sedia; ‘A liunessa=La leonessa; ‘A fattucchiar(a)=L’indovina; ‘A tavul(a)=la tavola; ‘A machina=L’automobile
Se però la parola che segue L’articolo inizia per vocale, gli articoli LO e LA vengono apocopati; viene cioè eliminata la vocale e diventando quindi L’:
L’ann(e)s(e)=L’anice; L’angiul(o)=L’Angelo; L’omm(o)=L’uomo; L’uocch(io)=L’occhio; L’aniell(o)=L’anello; L’onn(a)=L’onda; L’ell(e)r(a)=L’edera; L’ev(e)r(a)=L’erba=L’inn(o)l(a)=L’indole; L’ogn(a)=L’unghia.
Quindi se la parola successiva inizia con la consonante L’articolo è ‘O oppure ‘A con l’aferesi; cioè O oppure A con l’apostrofo che precede, perché ripeto abbiamo eliminato la L. Un errore comune è quello di scrivere, quando la parola successiva inizia con consonante: O’ oppure A’; questo modo di scrivere è profondamente sbagliato.
C’è da fare una considerazione ulteriore; molti usano raddoppiare la L trasformandola in LL; anche questo è un errore in quanto LL è l’articolo determinativo plurale.

L’articolo determinativo plurale
Gli articoli determinativi plurali sono; indipendentementi dal genere: ‘E e LL’. Il primo davanti a parole che iniziano con consonanti e il secondo a quelle che iniziano con vocali:
‘E cic(e)r(e)=I ceci; ’E can(e)=I cani; ’E p(e)siell(e)=I piselli; ’E fruttajuol(e)=I fruttivendoli; ’E sp(e)zzial(e)=I farmacisti; ’E ffemm(e)n(e)=Le donne
‘E ssegg(e)=Le sedie; ’E ccastagn(e)=Le castagne; ’E cc(e)ras(e)=le ciliegie; ’E mman(e)=Le mani
A proposito degli articoli determinativi; va detto che esso fa raddoppiare la consonante iniziale delle parole femminili plurali. Inoltre fa spesso raddoppiare la consonante iniziale per distinguerla da altri vocaboli uguali ma di significato differente:
‘O bbell(o) d’‘a staggion(e)=Il bello dell’estate; ‘O bbrutt(o) d’‘a luntananza; Il brutto della lontananza; ‘O mmalament(e) d’‘e ccos(e); Il cattivo delle cose.
da contrapporre a
‘O Bell(o), ‘o Brutt(o) e‘o Malament(e). (il Bello, il Brutto ed il Cattivo).
Cioè quando si indica genericamente una qualità si raddoppia la consonante iniziale; mentre non si raddoppia se lo stesso aggettivo è riferito ad una persona. E anche in altri casi l’articolo determinativo singolare fa raddoppiare la consonante della parola che segue; proprio per distinguerne il significato da una altra parola omonima:
‘O rruss(o)=Il colore rosso; ‘O russ(o)=L’uomo con i capelli rossi o originario della Russia; ‘O ccas(o)=Il cacio; ‘O cas(o)=La combinazione; ‘O llustr(o)=Il chiarore; ‘O lustr(o)=Il quinquennio; ‘O vviecch(io)=Ciò che è vecchio; ‘O viecch(io)=La persona anziana; ‘O ssapev(o)=Ne ero a conoscenza; ‘O sapev(o); Lo conoscevo; ‘O ccafè=La bevanda; ‘O cafè=Il locale; ‘O ppozz(o) capì=Comprendo ciò che dici; ‘O pozz(o) capì=Comprendo il suo gesto.
Ci sono poi altri casi in cui l’articolo determinativo fa raddoppiare l’iniziale della parola che segue; anche se essa non va a confondersi con altre parole; proprio per evidenziarne la giusta pronuncia:
‘O ddic(e)r(e)=Il dire; ‘O ccantà=Il cantare; ‘O vven n(e)r(e)=Il commerciare; ‘O rraùIl tagù; ‘O mmagnà=Il mangiare.
Io dico:
‘O ppep(e); ’O ssal(e); ’O ppan(e); ’O ttuoss(e)c(o),
ma dirò:
Nu pizzic(o) ‘e pep(e)=Una presa di pepe; Na vranc(a)‘e sal(e)=Una manciata di sale; Na fell(a)‘e pan(e); Nu sacc(o)‘e tuoss(e)c(o)=Un sacco di veleno.
cioè in presenza di un partitivo; la lettera iniziale non va raddoppiata.
Molte parole che iniziano per A; possono subire l’eliminazione dell’intero articolo determinativo: ‘Ammor(e)=L’amore; ‘Addor(e)=L’odore.
Infine va precisato che l’articolo plurale ‘E fa raddoppiare la iniziale della parola femminile che segue, ma questo raddoppiamento della parola plurale femminile, non avviene se la parola inizia con la S impura: ‘E scol(e)=Le scuole; ‘E spogn(e)=Le spugne.
Davanti a parole che iniziano con vocale si usa l’articolo LL’:
LL’uomm(e)n(e)=Gli uomini; LL’aniell(e)=Gli anelli; LL’auciell(e)=Gli uccelli; LL’an(e)m(e)=Le anime; LL’ammenn(o)l(e)=Le mandorle; LL’onne=Le onde.
Per adesso concludo il discorso sugli articoli determinativi; accennando al fatto che vengono ancora utilizzate le forme arcaiche LO; LU, . LI e LLI; queste sono a nostro parere solo delle licenze poetiche.

L’articolo indeterminativo
Parliamo adesso degli articoli indeterminativi: cioè degli articoli che in italiano fanno UNA; UNO e UN. In napoletano esistono solamente NA e NU che vengono usate davanti a parole che iniziano con consonanti: Nu piatt(o)=Un piatto; Nu ciucc(io)=Un asino; Nu d(e)nucch(io)=Un ginocchio; Nu casadduogl(io)=Un salumiere; Na jatt(a)=Una gatta; Na femm(e)n(a)=Una don na; Na dimann(a)=Una domanda; Na z(e)tell(a)=Una zitella.
Gli articoli indeterminativi davanti a parole che iniziano per vocali; vengono apocopati:
N’auciello=Un uccello; N’ammor(e)=Un amore; N’anduvin(o)=Un indovino; N’ermo=Un elmo; N’asciut(a)=Un’uscita; N’onn(a)=Un’onda; N’anem(a)=Un’anima.
Qualcuno tende a aferizzare gli articoli NU e NA; dopo una ricerca fatta sui grandi poeti classici della lingua napoletana (F. Russo S. Di Giacomo; L. Bovio; R. Viviani ed altri) abbiamo constatato che questi non usano aferizzarli.

NOME
Iniziamo a parlare dei nomi che si distinguono in nomi: PROPRI, COMUNI, COLLETTIVI, COMPOSTI, DERIVATI, PROMISCUI, ALTERATI.

Nomi propri
I nomi propri possono essere: di persone; di nazioni; di città; di monti; di mari; di fiumi: Pascale, Gesummina, Franza, ‘Merica, Napule, Puortece. Essi faranno sempre a meno dell’articolo.

Nomi Comuni
I nomi comuni: possono essere di persona; animali o cose: Ommo, So lachianiello, Femmena, Mpagliaseggia, Pulicino, CiuccioCulunnetta.

Nomi collettivi
I nomi collettivi: (indicano un insieme di più persone; animali o cose): Cummitiva, Mantra, Mubilia.

Nomi composti
I nomi composti sono quelli che prevedono l’unione di due parole, essi possono essere formati da due nomi; da aggettivo e nome, da verbo e nome da preposizione e nome; da due avverbi: Capecuollo; Bellommo; ‘Mpagliaseggia; ‘Ntrasatto; Sottencoppa.

Nomi derivati
I nomi derivati sono quelli che hanno origine da altra parola: Chianca=Chianchiere.

Nomi alterati
I nomi alterati: cioè quelli a cui si aggiunge un suffisso per modificarne il significato e si distinguono in ACCRESCITIVI, DIMINUITIVI, VEZZEGGIATIVI, DISPREGIATIVI.

Accrescitivi
Si aggiunge il suffisso UNE/ONA/ONE per acquisire l’idea di grande o grosso: Chiatti=Chiattune; Femmena=Femmenona; Ommo=Ummenone; Cammara=Cammarone. Come si può notare; alcuni nomi femminili con l’accrescitivo diventano maschili. Per quelli che non hanno il corrispondente accrescitivo si ricorre all’aggiunta dell’aggettivo qualificativo GRUOSSO o GROSSA: Nu spitale gruosso.

Diminutivi e Vezzeggiativi
Ai nomi diminutivi e vezzeggiativi per dare un senso di piccolezza o di aggrazziato si aggiungono vari suffissi come: UOTTO; ULLO; OLLA; UZZO; OZ ZA; ILLO; ELLA o IELLO: Cicciuotto; Pezzullo; Merol la; Aucelluzzo; Nennillo; Marchesella; Sasicciello.
Nel passaggio al diminutivo e vezzaggiativo alcune vocali o gruppo di vocali subiscono delle modifiche la O si trasforma in U; la I si trasforma in E; IE si trasforma in E; UO si trasforma in U: Connola=Cunnulella; Ponte=Punticiello; Pilo=Pelillo; Curtiello=Curtelluccio; Cuofano=Cufaniello; Cuollo=Cullicciullo.

Dispregiativi
Per il dispregiativo si usano i suffissi: ACCIO; ECCHIO; ECCHIA; ACCIA; ASSO; ASSA: Pellecchia; Michelasso. Ma in genere si usa anteporre l’aggettivo MALA alla parola: Malafemmena; Malaparola; Malacarne.

Generi
Adesso iniziamo a parlare dei generi. Come in italiano quasi sempre si ha il maschile e il fem minile con il cambio di desinenza. Infatti le pa role che al maschile terminano con E o con O; al femminile la desinenza spesso diventa A: Cafone=Cafona; ‘Nduvino=‘Nduvina. Spesso le parole che finiscono al maschile con A, O e E possono trasformare la desinenza in ESSA: Pueta=Puitessa; Purpo=Purpessa; Perrene=Pettenessa. Alcune parole che al singolare maschile terminano con il suffisso ORE al femminile il suffisso si trasforma in RICE ma pure in ORA: Revettatore=Revettatrice Cusetore=Cusetora. Quando passiamo dal genere ma schile a quello femminile spesso si hanno cambi di vocali o di gruppo di vocali. La O si trasfor ma in U e viceversa: Barone=Barunessa; Palummo=Palomma. Puo capitare anche che UO si trasforma in O; la I si trasforma in E o che lo IE si trasforma in E: Cuoveto=Coveta; Sarracino=Sarracena; Munaciello=Munacella. Alcuni vocaboli; al genere femminile; si trasformano completamente: Pate=Mamma; Frate=Sora; Marito=Mugliera; Squitato=Zetella; Masculo=Femmena.
Ancora su questo argomento ci son da dire varie altre cose da dire. Son di genere maschile i mesi dell’anno: Gennajo; Fevraro; Marzo; Abbrile; Maggio; Giugno; Luglio; Austo; Settembre; Uttobre; Nuvem bre; Dicembre. I giorni feriali della settimana: Lunnerì; Marterì; Miercurì; Gioverì; Sabbato; la Dum menica invece è femminile. I nomi degli alberi: Pierzeco; Legnasante; Cresuommolo. Fanno eccezione quelli che finiscono con la vocale A e pochi al tri: Parma; Magnolia; Vite; Erce, mentre sono in mag gioranza femminili i nomi della frutta: Perseca; Cresommola; Uva; Pruna ecc. fanno eccezione: Purtuallo; Cachisso; Mandarino; Limone e pochi altri.

Plurale
Concluso il genere; adesso parliamo del plurale dei nomi. Un vocabolo maschile che al singolare termina con A; al plurare la A diviene E: Pueta=Puete; un vocabolo maschile che al singolare ter mina con E al plurale rimane E: Nepote=Nepute; Pe sce=Pisce; da notare che spesso; nel corpo della parola; la O del singolare si tramuta in U nel plurale; e la E del singolare si muta in I o in IE al plurale. Un nome che al maschile singolare termina in O; al plurale si trasmorma in E: Terno=Tierne mentre un nome che al singolare termina con la vocale accentata al plurale resta invariato: Sartù=Sartù; se il nome maschile singolare finisce in CO o GO al plurale si trasformano in CHE o GHE: Appicceco=Appicceche; Singo=Singhe. Vi sono dei casi in cui la parola nel passaggio dal singolare al plurale cambia genere; cioè da maschile diventa femminile e la U o la UO si mutano in O: Denucchio=Denocchie. Esaminiamo ades so il plurale dei nomi femminili innanzitutto ricordiamo; come abbiamo già detto nel capitolo riguardante l’articolo; che i nomi femminili pre preceduti dall’articolo determinativo ‘E hanno il raddoppio dell’iniziale; a meno che non si tratti della S impura; cioè la S seguita da una o più consonanti. I nomi singolari femminili che terminano con la A; al plurale mutalo la A in E: Lacerta=Lacerte; i nomi singolari femminili che terminano con la vocale E restano invariati; la E rimane E: Veste=Veste;
i nomi che al singolare femminile terminano con CA e con GA al plurale si tramutano in CHE e GHE: Puteca=Puteche; Serrenga=Serrenghe;
anche per il femminile le parole che terminano con vocale accentato restano invariate: Città=Città;
anche qualche parola singolare femminile che termina con O resta invainvariata: Radio.
In napoletano i nomi propri si usano solo al singolare siano essi di PERSONA, LOCALITÀ o TEMPO: Aloja; Ciommo; Zittina; Zeza; Napule; Salierno; Arbania; Innia; Gennajo; Dummenica.
Sono poi singolari quasi tutti i nomi di metalli:
Ffierro; Chiummo; Ramma; Attone; Argiento eccetera.
Ci sono poi dei nomi; sia maschili che femminili che vengono usati solo al singolare:
Mmele; Sango; Sale; Pepe; Famma; Sete eccetera.
Per finire sul plurale dei nomi volevo farvi notare che per la maggior parte di essi; sia maschili che femminili la desinenza è E; tranne alcune eccezioni di cui abbiamo parlato

Aggettivo
Abbiamo parlato nel precedente capitolo del Nome; con questo parleremo dell’Aggettivo; che come sappiamo; è la parte variabile del discorso che si accompagna al nome per meglio specificarlo.
Esso non ha un genere proprio; ma si accorda al nome a cui si riferisce; per cui può essere maschile; femminile; singolare o plurale a seconda se il nome a cui fa riferimento è maschile; femminile; singolare o plurale. Vi sono varie categorie di aggettivi: QUALIFICATIVO; POSSESSIVO; DIMOSTRATIVO; NUMERALE; INDEFINITO; INTERROGATIVO; man mano li esamineremo tutti.

Aggettivo qualificativo
Iniziamo a parlare dell’aggettivo qualificativo cioè quello che indica la qualità del nome a cui si riferisce: Curto; Chiatto. Per formare il femminile o il plurale; si osservano le stesse regole dei nomi.
Nel precedere il nome; alcuni aggettivi singolari maschili; subiscono la variazione delle desinenza; cioè mutano la O in U: Nu bellu guaglione.
Se invece essi seguono il nome; questa variazio
ne non si verifica: Nu guaglione bello. Anche al plurale maschile l’aggettivo qualificativo subisce una variazione se precede il nome; vale a dire che cambia la E in I: Buoni guagliune. Ed anche qui; se l ’aggettivo qualificativo segue il nome; ciò non si verifica: Guagliune buone. Per il singolare femminile l’aggettivo qualificativo; anche se precede il nome; resta invariato: Bona mugliera=Mugliera bona. Se invece; nel plurale femminile; all’aggettivo qualificativo segue il nome; la E della desinenza si muta in I come per il plurale femminile: Bbelli ffemmene=Ffemmene belle. Queste variazioni di cui abbiamo parlato; sia al maschile che al femminile; non si verificano le l’aggettivo è isolato: ‘Sti ccriature so’ bbone. Spesso l’aggettivo qualificativo se gue il nome per indicarne la qualità: Na mela sapurita. Alcuni aggettivi qualificativi possono essere alterati così come i nomi; diventare cioè ACCRESCITIVI; DIMINUITIVI; VEZZEGGIATIVI; ecc. aggiungendo dei suffissi. Per l’accrescitivo aggiungiamo il suffisso ONE: Buono=Bunaccione. Per il diminuitivo si aggiungono i suffissi ILLO; ELLA; IELLO: Caro=Carillo; Gruosso=Grussiciello.
Iniziamo a parlare dei gradi del l’aggettivo che sono: POSITIVO; COMPARATIVO e SUPERLATIVO.
Il grado positivo si ha quando si esprime la qualità senza termine di paragone: ‘O rraù è sapurito.
Il grado comparativo si ha quando si esprime un paragone fra due cose; animali o persone e può essere: Comparativo di Maggioranza; di Minoranza o di Uguaglianza.
Il comparativo di Maggioranza, si forma con le particelle correlative: CCHIU. . ‘E; CCHIU. . D’‘O; CCHIU. . D’‘E: ‘O cane mio è cchiù piccerillo d’‘o tujo. Quando c’è un aggettivo; un participio o un verbo si usa CCHIU CA: ‘E vvote è cchiù‘o ddicere ca ‘o ffà. Ed ancora; per quanto riguarda i comparativi di maggioranza: Migliore; Peggiore; Maggiore; Minore; Inferiore; Superiore; essi vengono tradotti con: Cchiù meglio; Cchiù peggio; Cchiù gruosso; Cchiù piccerillo; Cchiù sotto; Cchiù va scio; Cchiù ‘ncoppa; Cchiù auto.
Il comparativo di Minoranza, si forma con le par ticelle correlative: MENO ‘E; MENO D’‘E; MENO CA:
‘E patane so’ meno care d’‘e puparuole.
Il comparativo di Uguaglianza si forma con le particelle correlative COMME A; TALE E QUALE A; TANTO QUANTO: Razielle è tale a quale ‘a mamma.
E parliamo adesso del superlativo che può essere relativo e assoluto.
Il superlativo relativo, si forma con le particelle correlative: ’O CCHIU D’‘A; ’A CCHIU D’‘A; ’E CCHIU D’‘A: ‘O cane è ‘o cchiù ferele ‘e ll’animale.
Il superlativo assoluto, in napoletano per formare il superlativo assoluto non si aggiunge il suffisso ISSIMO come in italiano; ma si utilizzano parole come ASSAJE e TUTTO: ‘O nennillo stà tutto ‘nfuso. Oppure si usa ripetere l’aggettivo
Ciccillo è curto curto. Spesso viene usato un al tro aggettivo per raffozzarne il significato: Giuvanne steva ‘mbriaco fraceto.

Aggettivo possessivo
Adesso parliamo dell’aggettivo possessivo; cioè di quell’aggettivo che indica di chi è il possesso della persona, della cosa o dell’animale di cui si parla.
L’aggettivo possessivo puo essere femminile o maschile; singolare o plurale: .
| Maschile | Femminile |
Per. | sing. | plur. | sing. | plur. |
1 s. | Mio | Mieje | Mia | Meje |
2 s. | Tujo | Tuoje | Toja | Toje |
3 s. | Sujo | Suoje | Soja | Soje |
1 p. | Nuosto| Nuoste| Nosta | Noste |
2 p. | Vuosto| Vuoste| Vosta | Voste |
3 p. | Lloro | Lloro | Lloro | Lloro |
‘O cane mio; ‘A puteca toja; ‘E libbre suoje; ‘E ccumpagne noste; ‘O frate vuosto; ‘A tavula lloro
E facciamo qualche riflessione su quanto abbiamo detto: essi sono tutti declinabili tranne la terza persona plurale LLORO la quale è invariabile. Inoltre vanno posti sempre dopo il nome a cui si riferiscono.
Gli aggettivi possessivi MIOMIA e TUJOTOJA; se si riferiscono ad un parente si possono unire al nome posponendo i suffissi MOMA e TOTA: Patemo; Mammeta; Figliema; Figlieto; Ziteme; Nepoteta CainatemaJennereto; Nocreme; Suocreto; .
Per quanto riguarda gli aggettivi possessisi PROPRIO e ALTRUI; in napoletano si usa adoperare altri aggettivi che rendano lo stesso significato: Ha salutate ‘e figlie suoje; Se fa ‘e fatte ‘e lL’ate.

Aggettivo dimostrativo
Adesso parliamo degli aggettivi dimostrativi; i quali servono a indicare qualcosa vicino o lontano rispetto a chi parla o ascolta. E incominciamo da: CHISTO. Si usa per indicare qualcosa o qualcuno che si trova vicino a chi parla; come abbiamo detto per alcuni aggettivi qualificativi come bello; brutto; buono e altri anche CHISTO davanti ad un nome divene CHISTU: Chistu guaglione; Chistu fatto; Chistu palazzo.
Posso usare anche la forma aferizzata ‘Stu: ‘Stu guaglione; ‘Stu palazzo. E diviene Chistu anche davanti a Ccà per dire Chistu ccà. Ma se è isolato la variazione non avviene: ‘O fatto è chisto; ‘o palazzo è chisto (chiaramente non va aferizzato)
. Il plurale di CHISTO è CHISTE che, se precede il nome, diviene CHISTI: Chisti sciuri; Chisti pate.
Posso usare anche la forma aferizzata ‘STI: ‘Sti sciure; ‘Sti figlie; ‘Sti pate. Se isolato non avviene la variazione: ’E sciure so’ chiste; (chiaramente non va aferizzato)
Il singolare femminile è CHESTA: Chesta femmena; naturalmente puo essere aferizzata in ‘STA: ‘Sta femmena. Esso è invariabile: ‘A femmena è chesta; Il plurale femminile è CHESTE che davanti ad un nome diviene CHESTI: Chesti ffemmene; Posso usare la forma aferizzata ‘Sti: ‘Sti ffemmene; Però dirò: Cheste so’‘e ffemmene.
Per indicare qualcosa che si trova vicino a chi ascolta, in napoletano si usa dire: CHISTU LLOCO o CHESTA LLOCA; al femminile: Qual’è ‘o palazzo? È chistu lloco.
Per indicare qualcuno o qualcosa che si trova lontano da chi parla e da chi ascolta. in napoletano diciamo CHILLO, che diventa CHILLU davanti ad un nome: Chillu vico. Lo stesso davanti a LLÀ diciamo: CHILLU LLÀ. Il plurale di CHILLO è CHILLE, che davanti ad un nome diviene CHILLI:
Chilli capille. Se è invece isolato rimane invariato CHILLE: Quà so’‘e cammarieri? So’ Chille.
Il femminile di CHILLO è CHELLA e resta invariata anche se dopo segue un nome: Chella femmena; Qual’è ‘a casa? È Chella.
Il plurale di CHELLA è CHELLE, che se precede un nome si muta in CHELLI: Chelli ffemmene.
Come si è potuto notare sia CHESTI che CHELLI
fanno raddoppiare la consonante iniziale del nome che segue (a meno che non sia una S impura cioè conservano la regola dell’articolo determinativo ‘E.
RIEPILOGO
CHISTO/CHISTU CHISTE/CHISTI CHESTA CHESTE/CHESTI
CHISTU LLOCO CHISTI LLOCO CHESTA LLOCA CHESTI LLOCHE
CHILLO/CHILLU CHILLE/CHILLI CHELLA CHELLE/CHELLI

Aggettivi numerali
Gli aggettivi numerali sono quelli che indicano il numero, la quantità delle persone, animali o cose di cui si parla, si dividono in cardinali e ordinali.
Gli aggettivi cardinali, cosiddetti perché sono i cardini della nostra numerazione, sono in effetti i nostri numeri.
Unu, doje, tre, quatto, cinco, seje, sette, otto, nove, diece, unnece, durece, trirece, vinte, trenta, quaranta, cinquanta, sissanta, sittanta, uttanta, nuvanta, ciento, duiciento, mille, eccetera.
Di tutti sono declinabili solo: UNU e DOJE: Tengo
unu ciucciu; Tengo una casa; Aggio ‘ncuntrato duje uommene; Mangio doje mele.
Ma se l’anteponiamo al nome senza avere l’intenzione di numerarlo, si usa come gli articoli determinativi NU e NA: Tengo nu ciuccio; Tengo na casa. E chiaramente, si aferizza davanti al nome che inizia con vocale: Aggio accattato n’auciello. Tranne i nomi che iniziano con i dittongo JA, JE, JO, JU: Aggio sentuto na jastemma.

Aggettivi ordinali
Questi sono che indicano l’ordine di una serie.
Essi sono: Primmo, sicondo, terzo, quarto, quinto, sesto, settimo, uttavo, nono, decemo, unnicesimo, duricesimo, triricesimio, vintesimo, trentesimo, quarantesimo, cientesimo, millesimo, miliunesimo ecc.
Essi sono declinabili, hanno un maschile, un femminile ed il plurale. Quindi la O finale del maschile diviene A al femminile ed E al plurale.
Inoltre non si pospongono mai al nome e vogliono l’articolo determinativo davanti: ’A primma lezzione.
Ci sono poi dei sostantivi che sottindendono una serie di numeri: Nu paro ‘e guante=2 guanti;
Na pareglia ‘e palumme=2 colombi; N’ambo=2 numeri; Nu terno=3 numeri; Na quaterna=4 numeri; Na cinquina=5 numeri; ‘A nuvena ‘e Natale; 9 giorni che precedono il Natale; Na duzzina ‘e salviette=12 tovaglioli.
Ci sono ancora dei sostantivi che sottindendono approssimativamente un certo numero: Na decina ‘e guagliune=circa 10 ragazzi; Na cinquantina ‘e case=circa 50 case=Nu centenaro ‘e meliune=circa 100 milioni; Nu migliaro ‘e perscone=circa 1000 persone.

PRONOME

Promomi Personali
Il Pronome personale serve ad indicare la persona che che fa l’azione. Essi sono: I’/J’/IO=Io; TU=Tu; ISSO=Egli/Esso; ESSA=Ella/Essa; NUJE=Noi; VUJE=Voi; LORO=Essi/Esse: J’ canto; Tu suone; Essa abballa; Nuje sentimmo; Vuje sbattite ‘e mmane; Loro so’ cuntente.
I pronomi che abbiamo appena detto sono quelli che si usano come soggetto, cioè compiono o subiscono l’azione del verbo. Vi sono poi i pronomi che si usano come complemento, e possono essere di forma tonica o di forma atona. Di forma tonica sono quelli che hanno accento proprio e sono: ME, TE, ISSO, ESSA, NUJE, VUJE, LORO.
Come si può notare, tranne i primi due, cioè ME e TE, sono gli stessi che vengono usati come soggetto, solo che in napoletano sono sempre preceduti dalla preposizione: Hanno sparlato ‘e (di) me. Se sono preceduti dalle preposizioni A (a), CU (con) PE’ (per) raddoppiano la consonante iniziale: Aspiette a MME; ‘Nzieme cu TTE; Fallo pe’ NNUJE; Dico a VVUJE; Statte cu LLORO. I pronomi ME e TE preceduti dalla preposizione CU spesso sono trasformati in MMICO e TTICO.
Esaminiamo adesso i pronomi di forma atona, cioè quei pronomi personali usati come complemento, ma che si appoggiano per l’accento alle parole che li accompagnano, essi sono in effetti particelle pronominali: ME, TE, ‘A(la), ‘O(lo), CE, VE, ‘E (le) e precedono il verbo: Me chiammano; Te vonno ‘A cercano; ‘O vattano; CE dicono; VE danno; ‘E pigliano. Quando invece seguono il verbo nelle forme INFINITO, GERUNDIO, IMPERATIVO, queste particelle formano con esso una sola parola: Vulesse vasarTE; GuardannoLA ‘faccia; ScriveME na lettera; DicennoVE ‘sti ccose. In alcuni casi, i questa unione tra il verbo e la particella, questa raddoppia la consonante iniziale: Dimme chillu fatto. Ci sono poi le particelle composte con lo articolo : M’‘A, M’‘O, M’‘E; T’‘A, T’‘O, T’‘E; S’‘A, S’‘O, S’‘E; CE‘A, CE‘O, C’‘E; V’‘A, V’’O, V’‘E: Chille vascuotte m’‘e magnaje j’. C’è poi la forma atona NE che può significare sia DI CIÒ se riferita a cosa che DI LEI se riferito a persona:
‘E ‘stu fatto ne parlano tutte ‘e giurnale; C’è ancora la forma atona di SE, che si usa come pronome riflessivo: Se sta vestenno. Se invece precede LO, LA, LI, LE si scriverà: S’‘O pigliaje;
E ancora a proposito di SE, per dire da se diciamo: a pe’ isso o a pe’ essa.

PRONOMI RELATIVI
I pronomi relativi sono quei pronomi che, oltre a sostituire i nomi, mettono due messaggi in relazione tra loro. In napoletano sono: CA, CHE, e CHI essi sono indeclinabili: l’evera CA cresce è l’ellera; ‘E ffronne CHE spontano so’ verde;
Si può usare indifferentemente sia CA che CHE, però nel caso in cui voglio sottindendere la parola COSA devo usare CHE: Che staje dicenno?
Invece, nel caso in cui non sottindendo la parola cosa dirò: ‘E pparole ca staje dicenno. I pronomi relativi CHE o CA, davanti a parola che inizia con vocale, si apocopa: ‘A lettera c’aggio scritto. Il pronome relativo CHI può essere usato anche come pronome, per cui si dice misto: Chi me vò bbene, appriesso me vene.
Le locuzioni: A CUI, DI CUI, AL QUALE, DEL QUALE, COL QUALE, PER IL QUALE, in napoletano non hanno un corrispondente, per cui si costruisce la frase in modo da renderne bene il significato: ‘O miereco c’hanno dato a ‘stu malato è partuto.

Pronomi infiniti
I pronomi indefinitisono quelli che indicano in modo impreciso e vagamente, la qualità e quantità di persone, animali o cose.
Tra gli indefiniti, alcuni vengono usati soltanto come pronomi: UNO, QUACCUNO, QUACCHEDUNO, OGNUNO, NIENTE, QUALSIASI: Quaccheduno parla, ma nun capisce niente; Ognuno vo’ vencere; Chillo nun vo’ sapè niente. Altri soltanto come aggettivi: QUALUNQUE, OGNE, QUACCHE: Fermate quacche minuto;
Ogne scarrafone è bello a’ mamma soja; Qualunque vestito le stà buono. Altri indefiniti possono essere usati sia come pronomi che aggettivi: NISCIUNO, POCO, TROPPO, PARICCHIO, TUTTO, CIERTO, TANTO, QUANTO, ATO: Nisciuno se po’ fà masto; Cierte guagliune alluccavano.
Alcuni indefiniti sono indeclinabili: NIENTE, OGNE, ASSAJE, QUACCHE, QUALUNQUE, QUACCOSA: Ogne femmena e ogne masculo. Quelli che terminano con UNO hanno il femminile ma non il plurale, essi sono: UNO/UNA; NISCIUNO/NISCIUNA; QUACCUNO/QUACCUNA; QUACCHEDUNO/QUACCHEDUNA; OGNUNO/OGNUNA: Ognuna se vo’ mmaretà, ma quaccheduna rummane zetella.
Alcuni altri sono declinabili, cioè hanno il maschile, il femminile, il singolare ed il plurale:
POCO, TROPPO, TUTTO, PARICCHIO, TANTO, QUANTO, CIERTOATO: Tengo poco tiempo; Passe troppi guaje; Cierti marit.

Pronomi interrogativi e esclamativi
I pronomi interrogativi sono detti così perché introducono una domanda, essi sono: CHI, CHE, QUALE, QUANTO e possono essere usati anche come pronomi esclamativi.
CHI, viene usato solo come pronome di persona ed è invariabile: Chi canta?
CHE è anch’esso un pronome invariabile ma sottintende la parola cosa: Che vuo’?
Altri interrogativi, usati anche come esclativi sono QUALE e QUANTO, che possono essere sia aggettivi che pronomi e sono variabili: Quala canzone canti? Quanta scostumatezza! Quante nne canusce?

VERBO
Adesso iniziamo a parlare del Verbo, parte essenziale di ogni periodo, in quanto esprime il significato dell’azione che si compie.

Verbi ausiliari
Iniziamo dai verbi ausiliari. cioè da quei verbi che aiutano gli altri verbi a formare i tempi composti, e sono, come sappiamo ESSERE ed AVERE. Iniziamo dall’ausiliare ESSERE. L’ausiliare Essere è usato per formare: la coniugazione passiva dei verbi transitivi: J’songo amato. I tempi composti di molti verbi intransitivi che indicano movimento o stato: Si tu fusse partuto(MOVIMENTO); Site crisciute (STATO). I tempi composti dei vermi riflessivi: Ve site scucciate. I tempi composti dei verbi impersonali: S’è ditto.
La coniugazione passiva dello stesso verbo Essere: Simme state. Spesso il verbo Essere viene sostituito dai verbi VENIRE, ANDARE: Chillo venette acciso; ‘E ccarte noste so’ ghiute sperze;

VERBO ESSERE
MODO INDICATIVO
Presente: songo/so’; sì; è; simmo; site; songo/so’.
Passato prossimo: songo/so’ stato; sì stato; è stato/a; simmo state; site state; songo/so’ state.
Imperfetto: ero; ire; era; eremo; ireve; ereno.
Trapassato prossimo: ero stato; ire stato; era stato/a; eremo state; ireve tate.
state; ereno sPassato remoto: fuje; fuste; fuje; fusteve; fujeno.
Trapassato remoto: non si usa
Futuro semplice: sarraggio; sarraje; sarrà; sarrammo; sarrate.
Futuro anteriore: sarraggio stato; sarraje stato;
sarrà stato/a; sarrammo state; sarrate state; sar
ranno state.

MODO CONGIUNTIVO
Presente: songo; sì; è; simmo; site; songo.
Passato: songo stato; sì stato; è stato/a; simmo state; site state; songo state.
Imperfetto: fosse; fusse; fosse; fossemo; fusseve; fosseno.
Trapassato: fosse stato; fusse stato; fosse stato; fossemo state; fusseve state; fosseno state.

MODO CONDIZIONALE
Presente: sarria; sarrisse; sarria; sarriamo; sarrisseve; sarriano.
Passato: sarria stato; sarrisse stato; sarria stato/a; sarriamo state: sarrisseve state; sarriano state.

MODO IMPERATIVO
Si usa solo nella seconda persona singolare e nella prima e seconda persona plurale, ma utilizzando l’ausiliare AVÈ
Presente: hê‘a essere tu; avimm’‘a essere nuje; avit’‘a essere vuje.

MODO INFINITO
Presente: Essere.
Passato: Essere stato.

MODO GERUNDIO
Presente: Essenno.
Passato: Essenno stato.

MODO PARTICIPIO
Presente: non esiste.
Passato: Stato.

VERBO AVE’ (avere)
Adesso parliamo del verbo AVERE, che è usato per formare: i tempi composti dei verbi transitivi attivi: Nuje avimmo viste. I tempi composti di alcuni intransitivi che indicano moto: Aggio curruto. I tempi composti di alcuni intransitivi che indicano un’attività del corpo o dello spirito: Isso ha durmuto.

MODO INDICATIVO
Presente: aggio; haje/hê; ave; avimmo; avite; aveno.
Passato prossimo: aggio avuto; haje/hê avuto; ave
avuto; avimmo avuto; avite avuto; aveno avuto.
Imperfetto: avevo; avive; aveva; avévemo; avìveve, avéveno.
Trapassato prossimo: avevo avuto; avive avuto: aveva avuto; avévemo avuto; avìveve avuto; avéveno avuto.
Passato remoto: avette; aviste; avette; avéttemo; a
Vìsteve; avétteno/avéttero.
Trapassato remoto: non si usa.
Futuro semplice: avarraggio; avarraje; avarrà; avarrammo; avarrate; avarranno.
Futuro anteriore: avarraggio avuto; avarraje avuto; avarrà avuto; avarrammo avuto; avarrate avuto; avarranno avuto.

MODO CONGIUNTIVO
Presente: avesse; haje/hê; ave; avimmo; avite; aveno.
Passato: avesse avuto; haje/hê avuto; ave avuto; avimmo avute; avite avuto; aveno avuto.
Imperfetto: avesse; avisse; avesse; avessemo; avisseve; avesseno.
Trapassato: avesse avuto; avisse avuto; avesse avuto; avessemo avuto; avisseve avuto; avesseno avuto.

MODO CONDIZIONALE
Presente: avarria; avarrisse; avarria; avarriamo; avarrisseve; avarriano.
Passato: avarria avuto; avarrisse avuto; avarria avuto; avarriamo avuto; avarrisseve avuto; avarriano avuto.

MODO IMPERATIVO
Si usa solo nella seconda persona singolare e nella prima e seconda persona plurale.
Presente: agge tu; avimmo nuje; aggiate vuje.

MODO INFINITO
Presente: avè.
Passato: avè avuto.

MODO GERUNDIO
Presente: avenno.
Passato: avenno avuto.

MODO PARTICIPIO
Presente: non esiste
Passato: avuto.
Sempre per quanto riguarda il verbo AVÈ, bisogna aggiungere che per quanto riguarda il PRESENTE e il PASSATO dell’INDICATIVO e CONGIUNTIVO: per la 2^ persona singolare si usa sempre di più la forma HÊ al posto del più corretto HAJE; mentre per la 3^ persona singolare, stanno diventando sempre più comune le forma italianizzate HA al posto del più corretto AVE e HANNO al posto di AVENO.

Verbi regolari
Adesso parliamo dei verbi regolari questi si dividono secondo la coniugazione. Iniziamo dalla 1^ che comprende tutti i verbi che finiscono con À e che in italiano finiscono con ARE come: AMÀ; PARLÀ; GUARDÀ ed iniziamo con il:

VERBO CANTÀ (cantare)
MODO INDICATIVO
Presente: canto; cante; canta; cantammo; cantate; cantano.
Passato prossimo: aggio cantato; haje/hê cantato; ave cantato; avimmo cantate; ate; aveno cantate.
avite cantImperfetto: cantavo; cantave; cantava; cantavamo; cantaveve; cantaveno.
Trapassato prossimo: avevo cantato; avive cantato; aveva cantato; avévemo cantate; avìveve cantate; avéveno cantate.
Passato remoto: cantaje; cantaste; cantaje; cantajemo; cantasteve; cantajeno.
Trapassato remoto: non si usa.
Futuro semplice: cantarraggio; cantarraje; cantarrà; cantarrammo; cantarrate;
cantarranno. Futuro anteriore: avarraggio cantato; avarraje cantato; avarrà cantato; avarrammo cantate; avarrate cantate; avarranno cantate.

MODO CONGIUNTIVO
Presente: canto; cante; canta; cantammo; cantate; cantate.
Passato: aggio cantato; hê cantato; ha cantato; a
vimmo cantate; avite cantate; hanno cantate.
Imperfetto: cantasse; cantasse; cantasse; cantassemo; cantasseve; cantasseno.
Trapassato: avesse cantato; avisse cantato; avesse cantato; avessemo cantate; avisseve cantate; avesseno cantate.

MODO CONDIZIONALE
Presente: cantarria; cantarrisse; cantarria; cantarriamo; cantarrisseve; cantarriano.
Passato: avarria cantato; avarrisse cantato; avarria cantato; avarriamo cantate; avarrisseve cantate; avarriano cantate.

MODO IMPERATIVO
Si usa solo nella seconda persona singolare e nella prima e seconda persona plurale.
Presente: canta tu; cantammo nuje; cantate vuje.

MODO INFINITO
Presente: cantà.
Passato: avè cantato.

MODO GERUNDIO
Presente: cantanno.
Passato: avenno cantato.

MODO PARTICIPIO
Presente: non esiste. Passato: cantato.
Adesso passiamo alla 2^ coniugazione, cioè quei verbi che finiscono in ERE atono come: VEVERE; DECIDERE; SBATTERE; vediamo il

VERBO SPARTERE (spartire, dividere)
MODO INDICATIVO
Presente: sparto; sparte; sparte; spartimmo; spartite; sparteno.
Passato prossimo: aggio spartuto; haje/hê spartuto; ha spartuto; avimmo avite spartute; hanno spartute.
spartute; Imperfetto: spartevo; spartive; sparteva; spartévemo; spartìveve; spartéveno.
Trapassato prossimo: avevo spartuto; avive spartuto; aveva spartuto; avévemo spartute; avìveve spartute; avéveno spartute.
Passato remoto: spartette; spartiste; spartette;
spartéttemo; spartìsteve; spartétteno.
Trapassato remoto: non si usa.
Futuro semplice: spartarraggio; spartarraje; spartarrà; spartarrammo; spartarrate; spartarranno.
Futuro anteriore: avarraggio spartuto; avarraje spartuto; avarrà spartuto; avarrammo spartute; a
varrate spartute; avarranno spartute.

MODO CONGIUNTIVO
Presente: sparte; sparte; sparte; spartimmo; spartite; sparteno.
Passato: aggio spartuto; haje/hê spartuto; ha spar tuto; avimmo spartute; avite spartute; aveno spartute.
Imperfetto: spartesse; spartisse; spartesse; spartessemo; spartisseve; spartesseno.
Trapassato: avesse spartuto; avisse spartuto; avesse spartuto; avessemo spartute; avisseve spartute; avesseno spartute.

MODO CONDIZIONALE
Presente: spartarria; spartarrisse; spartarria; spartarriamo; spartarrisseve; riano.
spartarPassato: avarria spartuto; avarrisse spartuto; avarria spartuto; avarriamo spartute; avarrisseve spartute; avarriano spartute

MODO IMPERATIVO
Si usa solo nella seconda persona singolare e nella prima e seconda persona plurale.
Presente: sparte tu; spartimmo nuje; spartite vuje

MODO INFINITO
Presente: spartere.
Passato: avè spartuto

MODO GERUNDIO
Presente: stpartenno.
Passato: avenno spartuto.

MODO PARTICIPIO
Presente: spartente (non si usa).
Passato: spartuto
Parliamo infine dei verbi regolari della 3^ coniugazione, quelli che finiscono con la Ì ed in italiano terminano in IRE come: ASCÌ; SAGLÌ; ARAPÌ; vediamo il

VERBO PARTÌ (partire)
MODO INDICATIVO
Presente: parto; parte; parte; partimmo; partite; parteno.
Passato prossimo: so’partuto; sì partuto; è partuto; simmo partute; site ongo partute.
partute; sImperfetto: partevo; partive; parteva; partévemo; partìveve; partéveno.
Trapassato prossimo: ero partuto; ire partuto; era partuto; éremo partute; ìreve partute; éreno partute.
Passato remoto: partette; partiste; partette; partéttemo; partìsteve; partétteno.
Trapassato remoto: non si usa.
Futuro semplice: partarraggio; partarraje; partarrà; partarrammo; partarrate; partarranno.
Futuro anteriore: sarraggio partuto; sarraje partuto; sarrà partuto; sarrammo partute; sarrate partute; sarranno partute.

MODO CONGIUNTIVO
Presente: parto; parte; parte; partimmo; partite; parteno.
Passato: songo partuto; sì partuto; è partuto; simmo partute; site partute; ute.
songo partImperfetto: partesse; partisse: partesse; partessemo; partisseve; partesseno.
Trapassato: fosse partuto; fusse partuto; fosse partuto; fòssemo partute; fùsseve partute; fòsseno partute.

MODO CONDIZIONALE
Presente: partarria; partarrisse; partarria; partarriamo; partarrisseve; iano.
partarrPassato: sarria partuto; sarrisse partuto; sarria partuto; sarriamo partute; sarrisseve partute; sarriano partute.

MODO IMPERATIVO
Si usa solo nella seconda persona singolare e nella prima e seconda persona
plurale.Presente: parte tu; partimmo nuje; partite vuje.

MODO INFINITO
Presente: partì.
Passato: essere partuto.

MODO GERUNDIO
Presente: partenno.
Passato: essenno partuto.

MODO PARTICIPIO
Presente: non esiste.
Passato: partuto
Vi sono poi dei verbi regolari che conservono le stesse desinenze della coniugazione a cui appartengono, ma hanno delle piccole variazioni nel tema, nei tempi dell’INDICATIVO, del CONGIUN TIVO e dell’IMPERATIVO.

1^ CONIUGAZIONE 1° ESEMPIO PURTÀ (portare)
Tema del verbo è PURT. Però nell’Indicativo e nel Congiuntivo Presente fa: Porto; puorte; porta; purtammo; purtate; portano. Lo stesso nell’Imperativo: Puorte tu; Purtammo nuje; Purtate vuje

1^ CONIUGAZIONE 2° ESEMPIO SUNNÀ (sognare)
Tema del verbo è SUNN. Però nell’Indicativo e nel Congiuntivo Presente fa: Sonno; suonne; sonna; sunnammo; sunnate; sonnano. Lo stesso nell’Imperativo: Suonne tu; Sunnammo nuje; Sunnate vuje

1^ CONIUGAZIONE 3° ESEMPIO TREMMÀ (tremare)
Tema del verbo è TREMM. Però nell’Indicativo e nel Congiuntivo Presente fa: Tremmo; triemme; tremma; tremmammo; tremmate; tremmano. Lo stesso nell’Imperativo: Triemme tu; Tremmammo nuje; Tremmate vuje.
E così tanti altri verbi regolari di 1^ coniugazione come: Restà; Avutà; Cuntà; Jucà; Aspettà; Accuncià; Appujà; Arrubbà…

2^ CONIUGAZIONE 1° ESEMPIO CORRERE
Tema del verbo è CORR. Però nell’Indicativo e nel Congiuntivo Presente fa: Corro; curre; corre; currimmo; currite; corrono. Lo stesso nell’Imperativo: Curre tu; Currimmo nuje; Currite vuje.

2^ CONIUGAZIONE 2° ESEMPIO VOLLERE (bollire)
Tema del verbo è Voll. Però nell’Indicativo e nel Congiuntivo Presente fa: Vollo; vulle; volle; vullimmo; vullite; vollono. Lo stesso nell’Imperativo: Vulle tu; Vullimmo nuje; Vullite vuje

2^ CONIUGAZIONE 3° ESEMPIO METTERE
Tema del verbo è Mett. Però nell’Indicativo e nel Congiuntivo Presente fa: Metto; miette; mette; mettimmo; mettite; mettono. Lo stesso nell’Imperativo: Miette tu; Mettimmo nuje; Mettite vuje.
E così tanti altri verbi regolari di 2^coniugazione come: Pognere; Appennere; Torcere; Rompere; Vencere; Spremmere; Stennere; Annasconnere….

3^ CONIUGAZIONE 1° ESEMPIO DURMÌ (dormire)
Tema del verbo è DURM. Però nell’Indicativo e nel Congiuntivo Presente fa: Dormo; duorme; dorme; durmimmo; durmite; dormono. Lo stesso nell’Imperativo: Duorme tu; Durmimmo nuje; Durmite vuje

3^ CONIUGAZIONE 2° ESEMPIO SENTÌ (sentire)
Tema del verbo è Sent. Però nell’Indicativo e nel Congiuntivo Presente fa: Sento; siente; sente; sentimmo; sentite; sentono. Lo stesso nell’Imperativo: Siente tu; Sentimmo nuje; Sentite vuje

3^ CONIUGAZIONE 3° ESEMPIO SUFFRÌ (soffrire)
Tema del verbo è Soffr. Però nell’Indicativo e nel Congiuntivo Presente fa: Soffro; suoffre; soffre; suffrimmo; suffrite; soffrono. Lo stesso nello Imperativo: Suffre tu; Suffrimmo nuje; Suffrite vuje.
E così tanti altri verbi regolari di 3^ coniugazione come: Servì; Vestì….
VERBI IRREGOLARI
Vi sono poi, i verbi irregolari, cioè quei verbi che nel tema o nelle desinenze, non rispecchiano la coniugazione a cui appartengono.
I verbi irregolari di 1^ Coniugazione sono: DÀ (Dare); FA (Fare); STÀ (Stare).
Prendiamo come esempio la coniugazione del

VERBO DÀ (dare)
MODO INDICATIVO
Presente: dongo; daje; dà; dammo; date; danno.
Passato prossimo: aggio dato; haje/hê dato; ave dato; avimmo date; avite date; aveno date.
Imperfetto: devo; dive; deva; devemo; diveve; deveno.
Trapassato prossimo: avevo dato; avive dato; aveva dato; avévemo date; avìveve date; avéveno date.
Passato remotoette; diste; dette; dettemo; disteve; detteno.
: dTrapassato remoto: non si usa.
Futuro semplice: darraggio; darraje; darrà; darrammo; darrate; darranno.
Futuro anteriore: avarraggio dato; avarraje dato; avarrà dato; avarrammo date; avarrate date; avarranno date.

MODO CONGIUNTIVO
Presente: dongo; daje; dà; dammo; date; danno.
Passato: aggio dato; hê dato; ha dato; avimmo date;
avite date; hanno date.
Imperfetto: desse; disse; desse; dessemo; disseve; desseno.
Trapassato: avesse dato; avisse dato; avesse dato;
avessemo date; avisseve date; avesseno date.

MODO CONDIZIONALE
Presente: darria; darrisse; darria; darriamo; darrisseve; darriano.
Passato: avarria dato; avarrisse dato; avarria dato; avarriamo date; avarrisseve date; avarriano date.

MODO IMPERATIVO
Si usa solo nella seconda persona singolare e nella prima e seconda persona
plurale.Presente: daje tu; dammo nuje; date vuje.

MODO INFINITO
Presente: dà
Passato: avè dato.

MODO GERUNDIO
Presente: danno.
Passato: avenno dato

MODO PARTICIPIO
Presente: non esiste.
Passato: dato.
Di 2^ coniugazione, sono numerosi i verbi irregolari come: TENÈ(Tenere); VULÈ(Volere); SAPÈ (Sapere); PUTÈ(Potere) e tanti altri. Esaminiamo il verbo Tenè, che in napoletano viene spesso usato in sostituzione del verbo AVERE: Tengo famma; ecc

VERBO TENÈ (tenere)
MODO INDICATIVO
Presente: tengo; tiene; tene; tenimmo; tenite; teneno
Passato prossimo: aggio tenuto; haje/hê tenuto; ha tenuto; avimmo tenute; avite nno tenute.
tenute; haImperfetto: tenevo; tenive; teneva; tenévemo; tenìveve; tenéveno.
Trapassato prossimo: avevo tenuto; avive tenuto; aveva tenuto; avévemo tenute; avìveve tenute; avéveno tenute
Passato remoto: tenette; teniste; tenette; tenéttemo; tenìsteve; tenétteno.
Trapassato remoto: non si usa.
Futuro semplice: tenarraggio; tenarraje; tenarrà; tenarrammo; tenarrate;
tenarranno. Futuro anteriore: avarraggio tenuto; avarraje tenuto; avarrà tenuto; avarrammo tenute; avarrate tenute; avarranno tenute.

MODO CONGIUNTIVO
Presente: tengo; tiene; tene; tenimmo; tenite; teneno
Passato: aggio tenuto; haje/hê tenuto; ha tenuto; avimmo tenute: avite tenute; aveno tenute.
Imperfetto: tenesse; tenisse; tenesse; tenessemo; tenisseve; tenésseno.
Trapassato: avesse tenuto; avisse tenuto; avesse tenuto; avessemo tenute; avisseve tenute; avesseno tenute.

MODO CONDIZIONALE
Presente: tenarria; tenarrisse; tenarria; tenarriamo; tenarrisseve; tenarriano.
Passato: avarria tenuto; avarrisse tenuto; avarria tenuto; avarriamo tenute; avarrisseve tenute; avarriano tenute.

MODO IMPERATIVO
Si usa solo nella seconda persona singolare e nella prima e seconda persona
plurale.Presente: tiene tu; tenimmo nuje; tenite vuje.

MODO INFINITO
Presente: tenè.
Passato: avè tenuto.

MODO GERUNDIO
Presente: tenenno.
Passato: avenno tenuto

MODO PARTICIPIO
Presente: non si usa. Passato: tenuto.
Parliamo infine dei verbi irregolari della 3^ coniugazione, quelli che in napoletano finiscono con la Ì come: J’(ANDARE); VENÌ (VENIRE)ecc.

VERBO J (andare)
MODO INDICATIVO
Presente: vaco; vaje; va; jammo; jate; vanno.
Passato prossimo: so’juto; sì juto; è juto; simmo jute; site jute; songo jute.
Imperfetto: jevo; jve; jeva; jévemo; jveve; jéveno.
Trapassato prossimo: ero juto; ire juto; era juto; éremo jute; jreve jute; éreno
jute. Passato remoto: jette; jste; jette; jéttemo; jsteve; jétteno.
Trapassato remoto: non si usa.
Futuro semplice: jarraggio; jarraje; jarrà; jarrammo; jarrate; jarranno.
Futuro anteriore: sarraggio juto; sarraje juto; sarrà juto; sarrammo jute; sarrate jute; sarranno jute

MODO CONGIUNTIVO
Presente: vaco; vaje; và; jammo: jate; vanno.
Passato: songo juto; sì juto; è juto; simmo jute; site jute; songo jute.
Imperfetto: jesse; jsse; jesse; jessemo; jsseve; jesseno.
Trapassato: fosse juto; fusse juto; fosse juto; fòssemo jute; fùsseve jute; fòsseno jute.

MODO CONDIZIONALE
Presente: jarria; jarrisse; jarria; jarriamo; jarrisseve; jarriano.
Passato: sarria juto; sarrisse juto; sarria juto; sarriamo jute; sarrisseve jute; sarriano jute.

MODO IMPERATIVO
Si usa solo nella seconda persona singolare e nella prima e seconda persona plurale.
Presente: vaje tu ; jammo nuje ; jate vuje.

MODO INFINITO
Presente: jre.
Passato: essere juto.

MODO GERUNDIO
Presente: jenno.
Passato: essenno juto

MODO PARTICIPIO
Presente: non esiste.
Passato: Juto

AVVERBIO
Gli avverbi sono quelle parole poste accanto al verbo a cui aggiungono determinazione di tempo, di luogo, di qualità, di quantità, e sono una parte invariabile del discorso. Oltre agli avverbi ci sono le locuzioni avverbiali, cioè delle espressioni formate da più parole che danno vivacità ed evidenzia al discorso. Gli avverbi si dividono in avverbi di: MODO; AFFERMAZIONE; NEGAZIONE; DUBBIO; TEMPO; LUOGO; QUANTITA.

Avverbi di modo:
Molti di essi si formano aggiungendo al corrispondente aggettivo qualificativo il suffisso MENTE: I’ venarraggio certamente.
Altri avverbi di modo sono: MALE, BENE, BUONO, ACUSSÌ, NZIEME, ALLERTA…. Chillo parla BUONO; Bicienzo s’è fatto male; Nuje stamme ‘nzieme; Nun fa accussì; Voglio stà allerta.
C’è da dire che sia l’avverbio ALLERTA che ACCUSSÌ spesso vengono usati ripetuti per rafforzarne il significato: Comme te siente? accussì accussì (nè troppo bene, né troppo male); Chille, Giuanne dorme allerta allerta (per intendere un dormentato).
tipo adACCUSSÌ spesso in napoletano si usa per intendere QUINDI, PERCIÒ: ’A maesta nce ‘o spiecaje n’ata vota. e accussì (quindi)Pascale capette.
C’è poi l’avverbio di modo COMME che viene usato sia nelle frasi interrogative che esclamative: Comme staje? Comme sì scurbuteco! Inoltre COMME quando è usato per indicare un paragone, a differenza dell’italiano, è sempre seguito dalla preposizione semplice A. Infatti in italiano diciamo: Mario è alto come Giovanni. In napoletano invece: Mario è auto comm’a Giuanne.
Adesso qualche locuzione avverbiale di modo: ALL’INTRASATTO, TUTTO ‘NZIEME; (improvvisamente); A MMANESE (a portata di mano); ‘A ZEFFUNNO (abbondantemente)‘A SMERZA (alla rovescia); ‘A SPARTATA (separatamente); SCIUÈ SCIUÈ (mediocramente); ‘E SPIGHETTO (di traverso); ‘NCOPP’‘O FATTO(in flagrante); A CORE A CORE (in intimità); N’ ATU TANTO (molto meglio); BENE O MALE (alla men peggio).

Avverbi di affermazione
Sono: SI, CERTO, CERTAMENTE, OVERO, OVERAMENTE, SICURO, SICURAMENTE…C’è da dire qualcosa per lo avverbio SI. Quando è dato in risposta ad un interrogativo, sostituisce da solo un’intera frase Staje sturianne? Si(sto studiando). Unito alla parola signore, da luogo alla forma SISSIGNORE e ‘GNORSÌ (forma aferizzata di signorsì). Preceduto dalla congiunzione E ha significato ironico: E si, io me spusavo a isso! Per rafforzare l’affermazione si usa anche ripetere SI SI: Vulimmo ascì? Si, si. C’è poi la forma SINE che ormai è poco usata.

Avverbi di negazione
In napoletano sono NO e NUN: Nun ghì vicino ‘e llastre; Saje natà? No! (non so nuotare). Quindi anche il NO, come il SI, in risposta ad un interrogativo sostituisce una frase intera. Anche il NO, unito alla parole signore, da luogo alla forma NOSSIGNORE e‘GNORNÒ (forma aferizzata di signornò. E c’è anche la forma ormai in disuso di NONE.

Avverbi di dubbi
In napoletano sono: FORSE, QUASE: Forse te l’haje sunnato; So’ quase (circa) ‘e cinco. Spesso si usano ripetuti per raffozzarli: Forse forse aggi’ ‘a partì; Quase quase me ne vaco.

Avverbi di tempo
Sono quelli che servono ad indicare un situazione temporale. Esistono nelle tre forme: PASSATA, PRESENTE, FUTURA.
Forma passata: PRIMMA, AJERE, AUTROJERE, TANNO: ‘O miereco è venuto primma; Pascale ajere è partuto; Bicienzo turnaje l’autrojere; Tanno nun ghievo ‘a scola.
Forma presente: STAMMATINA, OGGE, SUBBETO, ‘NCANNO, MO. Gli ultimi tre spesso vengono ripetuti per raffozzarne il significato: Mammete se n’è asciuta mo mo(proprio ora); Fallo subbeto subbeto (immediatamente); È venuto ‘ncanno ‘ncanno (all’u
ltimo istante). Forma futura: DIMANE, DOPPORIMANE, DOPPO, PO’: Dima
ne vengo addu te; Totore torna dopporimane; Isso doppo se ne va; Po’ ce penzammo.
Altri avverbi di tempo sono: QUANNO, SPISSO, PRIESTE, TARDE, MAJE. SEMPE, AMPRESSA. E anche quest’ultimo viene spesso ripetuto per raffozzarne il significato: Ampressa ampressa(rapidamente). L’avverbio, quand’è unito a maje, forma la locuzione avverbiale QUANNO MAJE, che si usa nelle forme interrogative ed esclamative: Quanno maje s’è visto nu fatto ‘e chisto! Altre locuzioni avverbiali di tempo: PRIMM’‘E MÒ (immediatamente); OGGE A OTTO (modo di pagamento rateale); ’A TANNO (d’allora); AJERE ‘O JUORNO (Ieri pomeriggio) ‘A SEMMANA CHE TRASE (la prossima settimana); ‘A CHE MUNNO È MUNNO (da sempre); ORA E MUMENTO (continuamente); A L’URDEMO (alla fine); ‘MPIZZO ‘MPIZZO (all’ultimo minuto); FRIENNO MAGNANNO (velocemnte); TANNO TANNO (nello stesso istante).

Avverbi di luogo
Gli avverbi di luogo servono ad indicare un luogo: ADDÒ, CCÀ, LLÀ, SOTTO, ‘NCOPPA, VICINO, LUNTANO, ‘NNANZO, ARETO, ATTUORNO, FORA, DINTO, MMIEZO, ‘NCUOLLO, ecc.
Spesso alcuni di questi avverbi danno luogo a locuzioni avverbiali per rendere meglio l’idea del luogo: LLÀ SOTTO (giù in quel luogo); CCÀ VICINO (nei pressi); CCÀ ‘NNANZE (qui davanti); LLÀ FORA (fuori quel luogo); SOTTO SOTTO (in fondo); ABBASCIO ABBASCIO (giù, giù); NNANZE NNANZE (in prima fila); LLÀ PE’ LLÀ, (immediatamente)‘A VIA ‘E COPPA (verso sopra); ‘A VIA ‘E SOTTO (verso sotto); ‘A PARTE ‘E DINTO (allo interno); ‘A VIA ‘E FORA (all’esterno); SOTTO E ‘NCOPPA (sottosopra); ‘NTRIRECE (in mezzo); JESCE DINTO (vieni dentro).

Avverbi di quantità
Questi avverbi servono ad indicare la quantità: POCO, TANTO, TROPPO, ASSAJE, NIENTE, APPENA, CCHIÙ. Le locuzioni avverbiali di quantità: POCO POCO (minima quantità); ASSAJE ASSAJE (moltissimo); APPENA APPENA (quasi niente); NIENTE NIENTE (per caso); POCO E NIENTE (quasi nulla); A POCO A’ VOTA (lentamente); NU POCO SUPIERCHIO un poco di più); PE’ SENZA NIENTE (gratis); È COSA ‘E POCO (cosa senza valore); PE’ POCO(a basso costo); PUCURILLO PUCURILLO (un pochino); CCHIÙ ASSAJE (di più); CCHIÙ POCO (di meno).

PREPOSIZIONI
Le preposizioni sono quelle paroline che poste prima di un nome o un verbo all’infinito servono a indicare le funzioni che le parole compiono nel messaggio, e sono una parte invariabile del discorso. Senza le preposizioni una frase non avrebbe senso, ma sarebbe un elenco di vocaboli: Chesti ccase so’‘e Pascale. La preposizione ‘E (di) serve ad indicare la relazione di possesso tra Pascale e Ccase.
Le preposizioni si dividono in proprie, improprie e locuzioni prepositive. Le preposizioni proprie si suddividono in semplici ed articolate.
PREPOSIZIONI PROPRIE
Preposizioni semplici
Le preposizioni semplici sono otto: DE(di); A(a); DA da); DINTO(in); CU(con); ‘NCOPPA(su); PE’(per); ‘NTRA (tra o fra).
La preposizione DE, che risponde alle domande: DI CHI? DI CHE COSA? , si apocopa e diventa D’ davanti a parole che iniziano con vocale: Nu vaso d’ammore. Si aferizza e diventa ‘E davanti a parole che iniziano per consonanti: Na refola ‘e viento. Quando dopo la preposizione DE c’è un sostantivo che inizia con vocale atona, la preposizione può essere eliminata: ‘O mese ‘Abbrile
La preposizione A, che risponde alle domande: A CHI? COME? CHE COSA? , ha la particolarità di far raddoppiare la consonante iniziale della parola seguente: Sto venenno ‘a coppo Pusilleco a ppere
La preposizione DA, risponde alle domande: DA CHI DA DOVE? DA CHE COSA? viene usata quasi sempre nella forma aferizzata ‘A: Zeza ‘sta venenno ‘a Melito.
La preposizione DINTO, risponde alle domande: DOVE? IN CHE COSA? quando precede una parola che inizia per consonante spesso viene assorbita da essa aferizzandone la parola: ‘Ncielo. Per motivi fonetici, davanti a parole che iniziano per M, B, P la N iniziale si trasforma in M: ‘Mmano; Mpellicciato; ‘Mbarcone. Negli altri casi si può aferizzare: ‘INTO o apocopare DINT’ o infine aferizzare ed apocopare ‘INT’.
La preposizione CU, risponde alle domande: CON CHI? CON CHE COSA? lo abbiamo già detto parlando dei pronomi, se precede un pronome personale gli fa raddoppiare la consonante iniziale.
La preposizione ‘NCOPPA, risponde alla domande SU CHI? SU CHE COSA? è la traduzione della preposizione italiana su inesistente in napoletano
La preposizione PE’ che risponde alle domande PER CHI? PER CHE COSA? in caso preceda una parola che inizia con vocale viene apocapata in P’.
La preposizione ‘NTRA che risponde alla domande TRA CHI? IN MEZZO A CHE COSA? in napoletano viene scarsamente usata.

Preposizioni articolate
Le preposizioni semplici sguite da un articolo determinativo danno vita, in italiano, alle preposizioni articolate, in napoletano ciò non avviene. In quanto L’articolo rimane sempre staccato dalla preposizione, vediamo in questo
specchietto come si usano. | PREP. | ART. ‘O | ART.+‘A | ART.+‘E | ART+LL’ |
| DE | D’‘O | D’‘A | D’‘E | D’‘E |
| | | | | |
| A | A ‘O | A ‘A | A ‘E | A ‘E |
| | | | | |
| DA | D’‘O | D’‘A | D’‘E | D’‘E |
| | | | | |
| DINTO | DINT’‘O | DINT’‘A | DINT’‘E | DINT’‘E |
| | | | | |
| CU | CU ‘O | CU ‘A | CU ‘E | CU ‘E |
| | | | | |
|‘NCOPPA|‘NCOPP’‘O|‘NCOPP’‘A|‘NCOPP’‘E|‘NCOPP’‘E|
| | | | | |
| PE’ | P’‘O | P’‘A | P’‘E | P’‘E |
| | | | | |

PREPOSIZIONI IMPROPRIE
Ci sono poi le preposizioni improprie, che hanno
un loro significato e molte di esse possono es
sere avverbi o aggettivi usati in funzione di preposizioni. Esse sono: PRIMMA; DOPPO; SOTTO; FORA; ADDERETO; ANNANZE; LUNTANO; VICINO; ’NZIEME. Queste danno vita alle LOCUZIONI PREPOSITIVE che sono espressioni formate da una preposizione impropria seguita da una preposizione propria: Primma ‘e accummincià; Doppo a ll’ate; sotto a nu pergulato; ‘nnanze a ‘o vico; Fora a ‘o vascio; Addereto a ‘o purtone; ’Nzieme cu ttico; Luntano a Napule; Vicino a ‘o mare.
CONGIUNZIONI
Le congiunzioni servonoad unire due o più parole o periodi. Esse si dividono in COORDINATIVE, se accostano tra di loro due proposizioni, ognuna delle quali potrebbe stare da sola, e SUBORDINATE, se mettono in dipendenza una proposizione da un’altra.

CONGIUNZIONI COORDINATIVE
Le congiunzioni coordinative si suddividono in: COPULATIVE, DISGIUNTIVE, AVVERSATIVE, ESPLICATIVE, CONCLUSIVE, CORRELATIVE, CONDIZIONALI, CONCESSIVE, COMPARATIVE, INTERROGATIVE.
Le COPULATIVE, cioè che uniscono, possono essere AFFERMATIVE e NEGATIVE, esse sono: PURE, NÉ, MANCO, NEPPURE, E: ‘Stu nennillo magna e dorme. Nun saje niente e manco vuo’ sturia.
Le DISGIUNTIVE, uniscono proposizioni dove c’è un’alternativa: O, OPPURE, OVVEROSSIA: O te magne ‘sta menesta, o te vutte p’‘a fenesta.
Le AVVERSATIVE contrappongono dei termini o proposizioni: MA, PERÒ, EPPURE: Tutte ‘a vonno ma nisciuno s’‘a piglia.
Le ESPLICATIVE, spiegano qualcosa detto precedentemente: CIOÈ, ‘NFATTE: Ccà ‘o vino è buono, ‘nfatte ‘sta cantina è sempe chiena.
Le CONCLUSIVE introducono una proposizione come conclusione di un’altra: PIRCIÒ, DUNQUE, ALLORA: Nun vo j’ ‘a scola, allora va a faticà addù masto.
Le CORRELATIVE usate in coppia: E…E, SIA…SIA, NUN SULO…MA PURE, NÉ…NÈ, O…O: Nun sulo Maria ha pigliato ‘o murvillo, ma pure Carmela.
Le CONDIZIONALI,  pongono in relazione due proposizioni purche avvenga una determinata cosa: sono: SI: Jammo ‘o cinema, si pave tu.
Le CONCESSIVE: PURE, PURE SI, SI PURE: Pure si te voglio tantu bbene, t’aggio lassà.
Le COMPARATIVE: CA, COMME, COMME SI: Comme si curiuso cu ‘stu cappiello ‘ncapo.
Le INTERROGATIVE: SI, PECCHÈ, COMME, QUANNO; usate in espressioni interrogative indirette: Contame ‘o fatto comme è juto.

Ci sono  le CONGIUNZIONI SUBORDINATE LIMITATIVE che si servono di LOCUZIONI CONGIUNTIVE, cioè gruppi che hanno funzioni di congiunzione e formano una sola unità.
Le congiunzioni limitative: FORA CÀ; ’A FORA CÀ: A ttutto ce stà rimmedio, fora ca ‘a morte.
Altre locuzioni congiuntive sono: VISTO CA, P’‘O FATTO CA, PE’ VVIA CA, PE’ MEZZO CA, ADDÒ CA, MENTRE CA, CU TUTTO CA: Fernisce ‘e scrivere ‘sta lettera, visto ca l’hê già accumminciata.

Le CONGIUNZIONI SUBORDINATE, cioè quelle che mettono in dipendenza una proposizione da un’altra e si dividono in:
DICHIARATIVE  – CA: ’O viento ha sciusciato accussì forte ca so’ carute tutt’ ‘e ffoglie.
FINALI –  PE’: ’A jatta pe’ fa ampressa, facette ‘e figlie cecate.
CONSECUTIVE  – TANTO. . CA, TALMENTE. . CA, ACCUSSÌ. . CA: Me songo accussì appaurata ca nun aggio durmuto proprio.
CASUALI –  PECCHÈ, SICCOME, GIACCHÈ, CA (nel significato di PECCHÈ: Siccome aggio ‘a partì, so’ venuto a te salutà.
TEMPORALI –  QUANNO, MENTRE, FINCHÈ, COMME, PRIMMA CA, DOPPO CA, OGNE VOTA CA: Primma ca te ne vaje, pigliate ‘sta mappata.

INTERIEZIONI O ESCLAMAZIONI
Le INTERIAZIONI sono suoni con cui esprimiamo dei sentimenti come: sollievo, ammirazione, stupore, dolore, ira, noia, paura, orrore. Esse sono una parte invariabile del discorso, ma si differenziano da tutte le altre poiché possono esprimere un intero messaggio, per cui sono dette parole OLOFRASTICHE. Le interiezioni possono essere semplici, composte e locuzioni esclamative.
Le interiezioni semplici sono quelle formate da una sola sillaba: AH, EH, IH, OH, MEH, NEH, SEH, OJ, BOH SCIÙ: Ah, che bellezza.
Le interiezioni composte sono quelle formate da parole di più sillabe TECCHETE, CASPETA, MANNAGGIA, SALUTE, ’NTRANCHETE, ’NFRUNCHETE: Caspeta, che famma.
Vi sono delle interiezioni che si dicono ONOMATOPEICHE perché indicano un rumore o verso di animale: TICCHETE TECCHETE, DIN DON, ECCÌ, COCCODÈ, CRI CRI, CHICCHIRICHÌ ecc.
Ci sono infine le INTERIEZIONI ESCLAMATIVE formate da più parole che esprimono un’esclamazione, e sono espressioni colorite che danno vivacità al discorso: Uh anema d’‘o priatorio.

VOCABOLARIETTO NAPOLETANO/ITALIANO

Acrisant(o)=Crisantemo; Addubbatur(a)=Addobbo; Affatat(a)=Fatata; Aff(e)rrà=Prendere; Affruntà=Affrontare; ‘a; fa; va; ccà; llà…; Enciaria=Ingordigia; Aréch(e)t(a)=Origano; Embè=E con ciò; Cafè=Bar; Diebbete=Debiti; Picc(e)rell(a)=Piccolina; ‘e; è; me; tre. Staje; Stai; Maje=Mai; Assaje=Assai; Juorn(o)=Giorno; Jénn(e)r(o)=Genero; Janc(o)=Bianco; J’…
Omm(o)=Uomo; Cunt(o)=Racconto; ’Ntontar(o)=Tonto; Pogn(e)r(e)=Pungere; Strumm(o)l(o)=Trottola; Cummò; Canterano; ‘o; mo
Fasul(e)=Fagioli; Uocchio=Occhio; Cchiù=Più
Babbaluscia=Lumaca; Ballatur(o)=Ballatoio; Bamm(e)niell(o)=Bambinello.
Vocc(a)=Bocca; Vraccio=Braccio, Vartummeo=Bartolomeo; Vaso=Bacio.
Gamm(a)=Gamba; Chiumm(o)=Piombo; Palomm(a)=Colomba; ’Mbomm(a)=Bomba.
Cot(e)n(a)=Cotica; Caccavell(a)=Pentola; Cunziglio=Consiglio; C(e)ras(a)=Ciliegia; Cinquin(a)=Quintina; Chiazz(a)=Piazza; Chell(a)=Quella; Chi; Che; Ccà
Darfin(o)=Delfino; D(e)scurz(o)=Discorso; Dimann(a)=Domanda; Duttor(e)=Dottore.
Maronn(a)=Madonna; Miér(e)c(o)=Medico; Trir(e)c(e)=Tredici.
Mannà=Mandare; Banner(a)=Bandiera; Venn(e)r(e)=Vendere
Facenn(a)=Faccenda; F(e)nest(a)=Finestra; Ficajuol(o)=Venditore di fichi; Foja=Irrequetezza; Funtan(a)=Fontana.
Scior(e)=Fiore; Sciat(o)=Fiato; Sciumm(o)=Fiume.
Gavin(a)=Gabbiano; G(e)lus(o)=Geloso; Giuvinott(o)=Giovanotto; Gonn(o)l(a)=Gondola; Gulio=Voglia.
Frav(o)l(a)=Fragola; Spav(o)=Spago; Vunnell(a)=Gonnella. Ciardin(o)=Giardino; Cajol(a)=Gabbia. Jennar(o)=Gennaro; Jettà=Gettare.
Rattà=Grattare; Aller(o)=Allegro; Rancio=Granchio.
Jaccio=Ghiaccio
Caurar(a)=Caldaia; Caur(o)=Caldo; Fauz(o)=Falso; Scarfà=Scaldare; Barcon(e)=Balcone; Curtiell(o)=Coltello;
Ammor(e)=Amore; Càmm(e)r(a)=Camera; Fumm(o)=Fumo; Ramm(a)=Rame.
Nov(a)=Nuova; Turnes(e)=Tornese.
Sbr(e)nnor(e)=Splendore; Chiant(o)=Pianto; Abbril(e)=Aprile; Chiov(e)=Piove; Chiumm(o)=Piombo; Cchiù=Più
Ccà=Qua; Cuet(o)=Quieto; Chist(o)=Questo; Chell(a)=Quella.
Quatern(o)=Quaderno; Quatt(o)=Quattro; Quann(o)=Quando.
Per(e)=Piede; Maronn(a)=Madonna; Mier(e)c(o)=Madico.
Fenesta=Finestra; Maesta=Maestra.
Zuc(o)=Sugo; Barz(e)mo=Balsamo; Puz(o)=Polso; ’Nzalater(a)=Insalatiera; Cunziglio=Consiglio; P(e)nzier(o)=Pensiero; Surz(o)=Sorso.
Scos(e)r(e) di Cos(e)r(e); Schiov(e)r(e) di Chiov(e)r(e); Sfà di Fà.
Spanteco è più di Panteco; Sficcà è più di Ficcà.
Scol(a)=Scuola; Scumm(a)=Schiuma; Scuoglio=Scoglio.
Strumm(o)l(o)=Trottolina.
Tartaglià=Balbettare; Taratuf(o)l(o)=Tartufo; S(e)cutà=Inseguire.
Truvà=Trovare; Pruvà=Provare; Giuvà=Giovanni.
Abbià=Avviare; Sb(e)ntur(a)=Sventura; Abb(e)lì=Avvilire; Abb(e)nì=Avvenire; Bisc(o)=Vischio.
‘Mmito=Invito; ’Mmece=Invece; ’Mmenzione=Invenzione.
Truvà=Trovare; Pruvà=Provare; Giuvà=Giovanni.
Abbià=Avviare; Sb(e)ntur(a)=Sventura; Abb(e)lì=Avvilire; Abb(e)nì=Avvenire; Bisc(o)=Vischio.
‘Mmito=Invito; ’Mmece=Invece; ’Mmenzione=Invenzione.
‘Strazzion(e)=Estrazione; Disgrazziat(a)=DisgraziataLl(e)zzion(e)=Lezioni; Sp(e)zzial(e)=Farmacista.
‘O juorn(o)=il giorno; ‘O lion(e)=Il leone; ‘O chianchier(e)=Il Macellaio; ‘O cus(e)tor(e)=Il sarto; ‘O fattariell(o)=Il raccontino; ‘A seggia=La sedia; ‘A liunessa=La leonessa; ‘A fattucchiar(a)=L’indovina; ‘A tavul(a)=la tavola; ‘A machina=L’automobile
L’ann(e)s(e)=L’anice; L’angiul(o)=L’Angelo; L’omm(o)=L’uomo; L’uocch(io)=L’occhio; L’aniell(o)=L’anello; L’onn(a)=L’onda; L’ell(e)r(a)=L’edera; L’ev(e)r(a)=L’erba=L’inn(o)l(a)=L’indole; L’ogn(a)=L’unghia.
‘E cic(e)r(e)=I ceci; ’E can(e)=I cani; ’E p(e)siell(e)=I piselli; ’E fruttajuol(e)=I fruttivendoli; ’E sp(e)zzial(e)=I farmacisti; ’E ffemm(e)n(e)=Le donne
‘E ssegg(e)=Le sedie; ’E ccastagn(e)=Le castagne; ’E cc(e)ras(e)=le ciliegie; ’E mman(e)=Le mani
‘O bbell(o) d’‘a staggion(e)=Il bello delL’estate; ‘O bbrutt(o) d’‘a luntananza; Il brutto della lontananza; ‘O mmalament(e) d’‘e ccos(e); Il cattivo delle cose.
‘O Bell(o), ‘o Brutt(o) e‘o Malament(e). (il Bello, il Brutto ed il Cattivo).
‘O rruss(o)=Il colore rosso; ‘O russ(o)=L’uomo con i capelli rossi o originario della Russia; ‘O ccas(o)=Il cacio; ‘O cas(o)=La combinazione; ‘O llustr(o)=Il chiarore; ‘O lustr(o)=Il quinquennio; ‘O vviecch(io)=Ciò che è vecchio; ‘O viecch(io)=La persona anziana; ‘O ssapev(o)=Ne ero a conoscenza; ‘O sapev(o); Lo conoscevo; ‘O ccafè=La bevanda; ‘O cafè=Il locale; ‘O ppozz(o) capì=Comprendo ciò che dici; ‘O pozz(o) capì=Comprendo il suo gesto.
Ll’auciell(e)=Gli uccelli; Ll’an(e)m(e)=Le anime; Ll’ammenn(o)l(e)=Le mandorle; Ll’onne=Le onde.
Nu piatt(o)=Un piatto; Nu ciucc(io)=Un asino; Nu d(e)nucch(io)=Un ginocchio; Nu casadduogl(io)=Un salumiere; Na jatt(a)=Una gatta; Na femm(e)n(a)=Una don na; Na dimann(a)=Una domanda; Na z(e)tell(a)=Una zitella.
N’auciello=Un uccello; N’ammor(e)=Un amore; N’anduvin(o)=Un indovino; N’ermo=Un elmo; N’asciut(a)=Un’uscita; N’onn(a)=Un’onda; N’anem(a)=Un’anima.

VOCABOLARIETTO ITALIANO/NAPOLETANO

Acciaio=Acciaro
Addobbo=Addubbatura
Aereo=Arioplano
Aereo=Apparecchio
Affrontare=Affruntà
Agosto=Austo
Albicocca=Cresommola
Albicocco=Cresuommolo;
Allegro=Allero
America=Merica
Americano=Mericano
Amore=Ammore
Andatura=Camminatura
Anelli=Anielle
Angelo=Angiulo
Anice=Annese
Anime=Aneme
Appeso=Appiso
Aprile=Abbrile
Arancia=Purtuallo
Asino=Ciuccio
Assai=Assaje
Avviare=Abbià
Avvilire=Abbelì
Balbettare=Tartaglià
Balcone=Barcone
Ballatoio=Ballaturo
Balsamo=Barzamo
Bambinetto=Bammeniello
Bandiera=Bannera
Bar=Cafè
Barca=Varca
Barone=Barone
Baronessa=Barunessa
Bartolomeo=Vartummeo
Bianco=Janco
Bocca=Vocca
Braccio=Vraccio
Bugia=Buscia
Bue=Voje
Buonanima=Bonanema
Buonasera=Bonasera
Buttare=Jettà
Caco=Cachisso
Caffè=Ccafè
Caldaia=Caurara
Calderone=Caurarone
Caldo=Cauro
Calzolaio=Solachianiello
Camera=Càmmera
Camerone=Cammarone
Comodino=Culunnetta
Cani=Cane
Cantare=Cantà
Capocollo=Capecuollo
Capovolto=Sottoencoppa
Carbonaio=Gravunaro
Cartoccio=Cuoppo
Cartoccino=Cuppetiello
Cassettone=Cummò
Castagne=Ccastagne
Cattivo=Malamente
Ceci=Cicere
Celibe=Squitato
Ciliegia=Cerasa
Chiarore=Llustro
Collo=Cuollo
Collicino=Cullicciullo
Colomba=Palomma
Colombo=Palummo
Coltellino=Curtelluccio
Coltello=Curtiello
Comitiva=Cummitiva
Computer=Compiuterro
Consiglio=Cunziglio
Conte=Conte
Contessa=Cuntessa
Corbellino=Cufaniello
Corbello=Cuofano
Cotica=Cotena
Crisantemo=Acrisanto
Cucire=Cosere
Debiti=Diébbete
Delfino=Darfino
Dire=Dicere
Discorso=Descurzo
Disgraziata=Disgrazziata
Domanda=Dimanna
Donna=Femmena
Donnaccia=Malafemmena
Donnone=Femmenone
Dopodomani=Doppodimane
Dottore=Duttore
Edera=Ellera
Elmo=Ermo
Erba=Evera
Estrazione=Strazzione
Faccenda=Facenna
Fagioli=Fasule
Falegname=Masterascio
Falso=Fauso
Farfalla=Palomma
Farmacista=Spezziale
Fatata=Affatata
Fattucchiera=Fattucchiara
Fiato=Sciato
Finestra=Fenesta
Fiore=Sciore
Fiume=Sciummo.
Fontana=Funtana
Formaggio=Ccaso
Fragaglie=Fravaglie
Fragola=Fravola
Francia=Franza
Fratello=Frate
Fruttivendoli=Fruttajuole
Fumo=Fummo
Fuoritempo=‘Ncontrattiempo
Gabbia=Caiola
Gabbiano=Gavina
Gamba=Gamma
Gatta=Jatta
Geloso=Geluso
Gelsomina=Gesummina
Genero=Jennero
Gennaro=Jennaro
Ghiaccio=Jaccio
Giardino=Ciardino
Ginocchio=Denucchio
Giornale=Giurnale
Giornalista=Giurnalista
Giorno=Juorno
Giovanni=Giuvanno
Giovanotto=Giuvinotto
Gondola=Gonnola
Gonna=Vunnella
Granchio=Rancio
Grasso=Chiatto
Grassone=Chiattone
Grattare=Rattà
Guaio=‘Mpiccio
Indovino=Anduvino
Ingordizia=Enciaria
Insalatiera=Nzalatiera
Invece=Mmece
Invenzione=Mmenzione
Invito=Mmito
Imperatore=‘Mperatore
Irrequetezza=Foja
Leone=Lione
Leonessa=Liunessa
Levatrice=Vammana
Lezione=Lezzione
Limone=Limone
Lucertola=Lacerta
Luglio=Luglio;
Lumaca=Babbaluscia
Lunedi=Lunnerì
Lustrascarpe=Pulezzastivale
Macellaio=Chianchiere
Macelleria=Chianca
Maddalena=Matalena
Madonna=Maronna
Madre=Mamma
Maestra=Maesta
Maggio=Maggio
Mai=Maje
Maiale=Puorco
Mamma=Mamma
Mandare=Mannà
Mandarino=Mandarino
Mandorle=Ammennole
Mandria=Mantra
Mani=Mmane
Marito=Marito
Martedi=Marterì
Martellino=Martelluccio
Martello=Martiello
Marzo=Marzo
Maschio=Masculo
Medico=Miéreco
Melina=Melillo
Melo=Milo
Mercoledi=Miercurì
Michelaccio=Michelasso
Miele=Mmele
Mobilia=Mubbilia
Moglie=Mugliera
Monachino=Munaciello
Morto=Muorto
Mucca=Vacca
Napoli=Napule
Nessuno=Nisciuno
Ninetta=Ninella
Nocciuola=Nucella
Nuova=Nova
Occhiali=Acchiale
Occhio=Uocchio
Odore=Addore
Olive=Aulive
Omaccio=Malacarne.
Ombroso=Umbruso
Onda=Onna
Origano=Arécheta
Orlatore=Revettatore
Ospedale=Spitale
Ossi=Uosse
Ostrica=Ostreca
Ottobre=Uttombre
Padre=Pate
Pantecana=zoccola
Parigi=Pariggie
Parolaccia=Malaparola
Pasquale=Pascale
Peletto=Pelillo
Pellaccia=Pellecchia
Pelo=Pilo
Pentola=Caccavella
Pepe=Ppepe
Pero=Piro
Pesca=Perseca
Pesco=Percuoco
Pesetto=Pesillo
Peso=Piso
Pettine=Pettene
Piazza=Chiazza
Pianto=Chianto
Piccolina=Piccerelle
Piccolino=Piccerillo
Piccone=Sciamarro
Piede=Pere
Piena=Chiena
Piombo=Chiummo
Piove=Chiove
Piovere=Chiovere
Piselli=Pesielle
Più=Cchiù
Pizzetta=Pezzella
Pizzicotto=Pizzeco
Poeta=Pueta
Polipo=Purpo
Polso=Puzo
Portici=Puortece
Pozzuoli=Pezzule
Prendere=Afferrà
Proprietario=Patrone
Provare=Pruvà
Provinciale=Cafone
Pungere=Pognere
Qua=Ccà
Quaderno=Quaterno
Quattro=Quatto
Quella=Chella
Quello=Chillo
Questa=Chesta
Questo=Chisto
Quieto=Cueto
Quindici=Quinnece
Quinquennio=Lustro
Quintina=Cinquina
Rabbia=Currivo
Raccolto=Cuoveto
Raccontino=Fattariello
Racconto=Cunto
Ragazzino=Guagliunciello
Ragazzo=Guaglione
Ragù=Rraù
Rame=Ramma
Ripassatore=Repassatore
Risparmiatore=Sparagnatore
Rosso=Russo
Rubacuori=Sciupafemmene
Ruta=Aruta
Salerno=Salierno
Salumiere=Casadduoglio
Sangue=Sango
Saraceno=Sarracino
Sarto=Cusetore
Scaldare=Scarfà
Schiuma=Scumma
Scimmia=Scigna
Sciocco=‘Ntontoro
Scoglio=Scuoglio
Scucire=Scosere
Scuola=Scola
Sedia=Seggia
Slogatura=Storta
Sorella=Sora
Sorso=Surzo
Sottocchi=Sottuocchio
Spavento=Panteco
Spiovere=Sciovere
Splendore=Sbrennore
Spugna=Spogna
Stai=Staje
Storto=Stuorto
Sugo=Zuco
Sventura=Sbentura
Tartufo=Taratufolo
Tavola=Tavula
Teatro=Triato
Tormento=Spanteco
Tornese=Turnese
Tovaglia=Tuvaglia
Tram=Tramme
Tredici=Trirece
Trottola=Strummolo
Trovare=Truvà (Truà)
Uccelli=Aucielle
Ucciso=Acciso
Uomini=Uommene
Uomo=Ommo
Uscita=Asciuta
Veleno=Tuosseco
Vendere=Vennere.
Venditore=Vennetore
Venerdi=Viernarì
Versi=Vierze
Vincenzo=Biciè’
Vischio=Bisco
Vite=Vite
Voglia=Gulio
Nubile=Zetella
Gennaio Gennajo;
Febbraio Fevraro;
Marzo Marzo
Aprile Abbrile
Maggio Maggio
Giugno Jugno
Luglio Luglio
Agosto Austo
Settembre Settembre;
Ottobre Uttombre
Novembre Nuvembre
Dicembre Decembre
; Gioverì.
; Sabbato e Dummenica
Es. Legnasante;
Es. Parma; Magnolia;
; Erce
Perseca; Uva; Mela; Pera ecc.
Es. Pueta=Puete
Prufeta=Prufete
Bengala=Bengale
Es. Cavallone=Cavallune
Nepote=Nepute
Pesce=Pisce
Pere=Piere
Trèbbete=Triebbete
Es. Crapetto=Crapette
Terno=Tierne
Tappeto=Tappete
Mistero=Mistere
Es. Sartù=Sartù
Munzù=Munzù
Rraù=Rraù
Rre=Rre
Cafè=Cafè
Es. Appicceco=Appicceche
Juoco=Juoche
Es. Singo=Singhe
Ruongo=Ruonghe
Tango=Tanghe
Es. Vaglia=Vaglia
Boia=Boia
Es. Denucchio=Denocchie
Pertuso=Pertose
Spruoccolo=Sproccole
Uosso=Osse
Uovo=ove.
Es. Lacerta=Llacerte
Seggia=Sseggie
Casa=Ccase
Stanza=Stanze
Squatra=Squatre
Scala=Scale
Sparata=Sparate
Es. Lente=Llente
Veste=Vveste
Croce=Ccroce
Chiave=Cchiave
Es. Puteca=Pputeche
Streca=Streche
Perzeca=Perzeche
Spieca=Spieche
Senga=Ssenghe
Serenga=Sserenghe
Lusenga=Llusenghe
Sperlonga=Sperlonghe
Es. Radio=Rradio
Es. Aloja=Eligio
Papele=Raffaele
Ciommo=Girolamo
Vartummeo=Bartolomeo
Cuncetta=Concetta
Mmaculata=Immacolata
Zittina=Graziella
Zeza=Lucrezia
Napule=Napoli
Franza=Francia
Cruazia=Croazia
Arbania=Albania
Innia=India
Es. Ffierro=Ferro
Ramma=Rame
Attone=Ottone
Argiento=Argento
Stagno=Stagno
Ssale=Sale
Famma=Fame
Sete=Sete
Napoletano Italiano
Allappà
Allesenato
Allicchete
Alliccià
Allicco
Ammafarse
Ammurone
Annutolo
Carabozza
Cardascio
Càrpeta
Casaròla Trappola pe uccelli
Cascaveglia
Creccuso Puntiglioso; dispettoso.
Cuoccio pezzo di terracotta
Frùvolo Folgore; fulmine
Guarrone
Linge e squince Burla per coloro che usano u
na parlata ricercata.
Luccolo
Mafariello
Mascariello gota
Massaduana Macedonia di frutta
Mattascione
‘Mprimmese Innanzituttoper prima cosa.
‘Ntruglione
Papaccella Peperone tondo rosso.
Papagliune
Petimeòza
Pezzecarola Morsetta; tenaglia; pinza.
Rappusciello Grappoletto
Retonniglia Ritornello di poesia o can
zone.
Ruttamma
Saglipennola
Sajettone
Sbreglie
Sbrennente Splendente
Scevolì Svenire
Sciacqualattuga
Sciacquamola Ceffone cosi forte da causa
re caduta di molare o denti.
Sciacquitto Allegra mangiata
Sciaddeo Semplicione; incapace.
Sciadone Crostata di ricotta.
Sciffuniera Canterano Mobile con casset
ti per biancheria.
Sgherra
Spila pippe Persona molto magra.
Spullecone
Tabarruso
Taffià
Trappito
Urzo Orso
Vastaso